Archivio per maggio, 2012

Microsoft vuole conquistare la più ampia fetta possibile del mercato mobile, soprattutto a discapito di iOS e Android. Ed è proprio a tali due piattaforme che il colosso di Redmond intende sottrarre utenti: per farlo, il primo passo sarà quello di mostrare come sia possibile migrare verso Windows Phone senza perdere le proprie applicazioni ed i propri dati. Il gruppo, infatti, starebbe studiando un sistema in grado di scansionare un device basato su altre piattaforme per individuare le applicazioni installate e suggerire le relative controparti presenti nel Marketplace di WP7.

In questo modo, quindi, Microsoft intende quanto meno illustrare ai propri potenziali utenti come il proprio OS possa vantare un ricco repertorio di app, seppur il database della società non sia ancora paragonabile a quello di iOS e Android. Tale strumento di scansione consentirebbe tuttavia agli utenti di non temere di perdere determinate funzionalità a seguito di un’eventuale migrazione verso Redmond, consentendo inoltre di esportare i propri dati in maniera semplice e veloce.

Tra le altre ipotesi attualmente in auge figura inoltre lo sviluppo di un emulatore in grado di eseguire le applicazioni sviluppate per altri sistemi operativi mobile, benché tale soluzione difficilmente riuscirebbe a fornire la medesima esperienza d’uso. Le armi nelle mani di Microsoft, insomma, continuano ad aumentare, con la corsa al mercato mobile che diventa sempre più calda.

Annunci

Nonostante le diverse critiche fatta al Nokia Lumia 610 a causa della scelta del colosso finlandese di utilizzare una memoria RAM da 256 MB rispetto ai classici 512MB, dalla recensione pubblicata da Pocket-lint, il terminale si dimostra molto performante se paragonato ai terminali concorrenti della stessa fascia.

I colleghi di Pocket-lint hanno trovato il Nokia Lumia 610 veloce, con una durata della batteria adeguata e una fotocamera all’altezza della fascia di prezzo proposto. Tutto questo unito ad un design molto pulito che difficilmente potrebbe essere scambiato per un terminale a basso costo.

Per quanto riguarda il confronto con iPhone 3GS scrivono: “Il Nokia Lumia 610 è migliore rispetto all’iPhone 3GS in termini di specifiche e capacità. Il problema è quello di convincere la gente a provare questo smartphone e a fargli abbandonare il numero impressionante di applicazioni presenti su iOS”.

Discorso diverso per Android: “Contro i telefoni di fascia bassa Android vincere è un gioco da ragazzi, la maggior parte di questi smartphone sono incredibilmente lenti e brutti da usare”

In definitiva scrivono che il Nokia Lumia 610 con le diverse app esclusive con cui arriva offre agli utenti che acquistano per la prima volta uno smartphone un’esperienza facile e piacevole da utilizzare.

Il Nokia Lumia 610 è proposto in Italia al prezzo di 199€, prezzo ormai simile ad altri smartphone Windows Phone di seconda generazione che offrono senza dubbio un hardware migliore. Sicuramente se nei prossimi mesi vedremo un abbassamento di prezzo di questo smartphone potrebbe diventare un’ottimo terminale per gli utenti che vogliono spendere poco, senza rinunciare all’immediatezza che Windows Phone ci ha abituati.

 

Yusuf Mehdi, Chief Marketing della divisione Interactive Entertainment di Microsoft, ha scritto un articolo interessante sul proprio blog del futuro della piattaforma Xbox.

Nel lungo articolo scritto da Yusuf Mehdi sono state annunciate alcune novità che saranno presentate al prossimo E3 (Electronic Entertainment Expo) che si terrà la prossima settimana a Los Angeles. Parlando sulle vendite della console Xbox 360 e del mondo Xbox Live è venuto fuori che sempre più persone passano il loro tempo a guardare i video sulla propria console. A tal proposito Microsoft conferma che Xbox diventerà il servizio di intrattenimento per tutti gli utilizzatori della piattaforma Microsoft sostituendo l’attuale Zune. Di seguito parte dell’articolo postato da Yusuf Mehdi:

Quest’anno, Xbox diventa il servizio di intrattenimento per Microsoft. Dal vostro PC, tablet, TV o smartphone, Xbox sarà un gateway per ascoltare la migliore musica, guardare i video, giocare ai tuoi giochi preferiti e accedere velocemente ai tuoi amici. Con il lancio di Windows 8, porteremo il servizio d’intrattenimento Xbox a tutti. Con Xbox sui dispositivi Windows8, porteremo il servizio a oltre 60 milioni di persone in tutto il mondo. Siamo consapevoli che l’intrattenimento è diventato un multi-schermo di esperienza in cui tu e i tuoi amici, guarderete la TV, ascolterete musica e giocherete, mentre l’interazione con tablet e smartphone sarà una nuova esperienza. Abbiamo idee per rendere tutto l’intrattenimento che ami più personale, interattivo e sociale attraverso i vostri dispositivi e sui futuri dispositivi Windows 8.”

In questi giorni si sta parlando molto dei limiti dei terminali Windows Phone con 256 MB di RAM, come ad esempio il nuovo Nokia Lumia 610, da poco arrivato nel mercato italiano. In questi smartphone, infatti, non è possibile installare alcune applicazioni presenti sul marketplace in quanto richiedono una quantità di RAM maggiore.

Il sito AAWP ha setacciato le applicazioni del marketplace per avere una lista completa di tutte quelle applicazioni che non è possibile installare su questo tipo di terminali. Essi dichiarano che le applicazioni incriminate sono 1.387 ovvero l’1,6% di tutte le applicazioni presenti sul marketplace (Microsoft dichiara invece che sono il 5 % le app non utilizzabili). Purtroppo in queste applicazioni si contano diversi giochi Xbox Live, ovvero il 25% di tutti i giochi Xbox Live presenti per Windows Phone non è possibile installarli sui terminali con RAM pari a 256 MB. Una cosa interessante che il sito fa notare è che solo lo 0,8% delle nuove applicazioni presenti sul marketplace non sono compatibili (per nuove si intende applicazioni compilate con l’SDK 7.1.1). A tal proposito viene da pensare se quest’ultima percentuale è dovuta al tempo di rilascio del nuovo SDK 7.1.1 o all’ottimizzazione che viene effettuata compilando un’applicazione con questa nuova versione del tool di sviluppo.

Tra le statistiche rilasciati dalla fonte troviamo che il 4,6% delle prime 10.000 applicazioni più scaricate in Gran Bretagna non sono compatibili con i Windows Phone equipaggiati con solo 256 MB di RAM. Prendendo in esame però (altro…)

<!– –>

 

Nel decennio in cui i maggiori produttori hardware hanno spostato la loro attenzione anche su servizi di stoccaggio dati in rete, vedi Apple iCloud e Google Drive, Microsoft Inc. non poteva essere da meno e già da moltissimo tempo ha proposto il suo servizio chiamato SkyDrive; ho avuto l’occasione di notare negli aggiornamenti rilasciati nel tempo per la versione iPad che migliora e si integra sempre di più nel sistema operativo versione dopo versione.

Vediamo da una immagine per quali sistemi operativi è possibile averlo:

 

 

 

Aggiungo anche una nota per Android dato che è molto diffuso: su Play esistono delle app ma non sono ufficiali, detto questo se non vi fidate di quelle non di Microsoft che ha solo Note purtroppo siete forzati a sceglierne una perchè provando sul mio tablet da 7 a entrare da web mobile mi dice che il servizio non è accessibile in tale modalità.

 

 

 

 

 

Quindi purtroppo vi posso mostrare e dare indicazioni solo sulle versioni Mac, iOS e Windows. Il login avviene con le credenziali di un account mail Microsoft (@live.it, @msn.com, …) e offre per ciascun account 7 GB di spazio virtuale per file con ogni genere di estensione.

Non ci sono differenze sostanziali tra la versione Mac e quella Windows, inizialmo comunque a vedere la prima che mostra una cartella sempre aperta nel dock, una icona nella barra superiore e una cartella da posizionare in un percorso preferito: lì vedrete i file che condividete, potete gestirli, creare cartelle, copiare e incollare con i tasti di sistema Mac:

 

 

 

 

qualche immagine dalla versione iPad dopo il login, giusto di darvi l’idea dell’ambiente grafico, anche perchè le voci di impostazione sono poche e semplici (caratteristiche sempre più aprezzate dal mondo consumer):

 

 

 

 

 

 

Nota di utilizzo: se volete mantenere la qualità degli scatti senza badare allo spazio occupato (ovviamente se comprimi tagli la coda dei dati pixel e scende la definizione) in Caricamento foto che vedete in ss. 2 modificate a Originale la voce presente di default.

 

Vediamo graficamente la versione su Windows e sotto la web che è identica per tutti indipendentemente da browser e s.o.:

 

 

 

 

come ho scritto qualche paragrafo fa parlando della versione Mac anche questa è ridotta ai minimi termini .. sinceramente mi sarei aspettato qualcosa in stile Msn Messenger con una finestra sempre semplice e pulita graficamente ma più grande e non una integrazione così profonda con il software (nel mio caso Vista Home Premium) senza andare oltre.

 

 

Opinioni personali su SkyDrive

 

Semplicemente mi piace e mi convince, 7 GB non sono pochi e ovviamente si può affiancare a altri servizi per ampliare lo spazio disponibile con account gratuiti oppure aprire un secondo account Microsoft. Mi infastidisce solo nell’integrazione con Mac OS X (a proposito ok anche con Lion fino all’ultima 10.7.4) lo spazio che mi occupa perennemente nella barra del dock che io voglio più libera e senza spreco di spazio possibile, non per niente la tengo laterale e nascosta in modo che il browser si estenda a tutta pagina.

 

Esiste una versione specifica anche solo per iPhone progettata per lo schermo da 3.5″ non solo quella per iPad, peso leggero (6.5 MB) in modo da non occupare più del necessario e fornire più spazio a chi sceglie gli Apple device con la versione di memoria minima; a livello personale credo che lo utilizzerò costantemente per facilitare il mio lavoro da blogger e per uso personale e perchè qualcosa mi convinca vi assicuro che deve sfiorare la perfezione perchè sono molto esigente.

A Novembre Office Per Android E Ios

Pubblicato: maggio 29, 2012 in Uncategorized

Nel mese di novembre Microsoft potrebbe distribuire una versione di Office per dispositivi Android e iOS.

Questo è quanto sostiene il sito BGR (Boy Genius Report) che cita una fonte affidabile. Già lo scorso febbraio erano circolate alcune indiscrezioni su una possibile versione di Office per iPad e il sito The Daily aveva pubblicato anche un’immagine al riguardo, ma Microsoft aveva subito smentito la notizia.

La fonte di BGR assicura di aver visto la suite “Office per iOS” in esecuzione su iPad È presumibile inoltre che Office sarà disponibile non solo per iPad, ma anche per iPhone e iPod Touch.

NEW YORK – Per 8,5 miliardi di dollari l’ha comprato e adesso vuole fare fruttare i suoi affari: così Microsoft punta ad allargarsi con Skype e probabilmente nel prossimo futuro ingloberà tecnologie e community del servizio di conversazione Voip che per adesso è indipendente.

Per ora non si parla chiaramente di integrazione totale, ma corrono voci sempre più insistenti e finite sulle colonne del New York Times, che  raccontano di Skype utilizzabile nella prossima Xbox720.

Come? Sfruttando anche le tecnologie di Kinect. C’è anche chi dice che Microsoft sia pronta a rivedere e reinventare tutta la propria piattaforma di comunicazione e quindi ridiscutere Hotmail, gli ex servizi Live e tutti i servizi di Skype.

Come scrive il New York Times la distanza che finora Skype ha mantenuto dal suo genitore ha contribuito a rimanere fedele alla sua missione di permettere alle persone di effettuare chiamate da praticamente qualsiasi dispositivo connesso a Internet, non solo quelli con software Microsoft software. Negli ultimi mesi, Skype però ha rilasciato versioni del suo software per smartphone Google Android, un gioco Sony, Comcast set-top box e dispositivi mobili di Apple ed essendo la quarta applicazione più scaricata su iPad e iPhone fa gola.

E ancora, fa notare il New York Times, un traguardo importante arriverà quest’anno, quando Skype prevede di rilasciare una versione preliminare del suo software che gira su Windows 8, una revisione del sistema di punta operativo Microsoft destinato a lavorare bene con i computer touch-screen. L’idea che Skype possa dare a Windows e altri prodotti Microsoft un vantaggio è l’unico modo con cui l’azienda può giustificare gli 8,5 miliardi pagati.