Archivio per settembre, 2012

 

In molti, dopo aver visto per la prima volta la nuova schermata di Windows Phone 8 Apollo, si sono chiesti che fine avesse fatto la freccia che dalla Start screen in Windows Phone 7 ci porta all’app list: finalmente il mistero è risolto.
Infatti in un video, che ritrae i due nuovi HTC con Windows Phone 8, si capisce chiaramente che la freccia è stata semplicemente spostata alla fine del menu di Start, conservando la stessa funzione.
In effetti la freccia è praticamente inutile, anche se contribuiva a rendere unica l’asimmetrica schermata di Start di Windows Phone 7, che con Apollo perde gran parte del suo fascino iniziale, a nostro avviso. E voi che ne pensate?
Annunci

L’evento di lancio di Windows 8 sarà organizzato a New York il prossimo 25 ottobre. Microsoft aveva annunciato la commercializzazione a partire dal 26 ottobre prossimo – dato che resta comunque invariato – e la data dell’evento rappresenta un’ulteriore conferma. Ai fini pratici e per l’utente finale nulla cambia rispetto a quanto già noto: proprio in quelle ore e durante l’evento del 25 ottobre, probabilmente non prima, verranno svelati tutti gli ultimi dettagli relativi a Windows 8.

L’evento per Microsoft rappresenta un momento decisamente importante, infatti Windows 8 si inserisce in un più ampio rinnovamento di catalogo e di strategia da parte del colosso di Redmond: nello stesso periodo è atteso Windows Phone 8, poco dopo sarà la volta di Office 2013 mentre per la parte server già è disponibile Windows Server 2012.

Windows 8 coinvolge però anche gran parte degli OEM che proprio in occasione del lancio ufficiale proporranno i nuovi tablet, altri form factor e, pare, porranno molta attenzione al fenomeno degli all-in-one.

Ricordiamo poi che Windows 8 nasce per così dire con una doppia anima: è il primo sistema operativo Windows a prevedere una versione dedicata a soluzioni ARM, e proprio per Windows RT disponibile solo attraverso gli OEM c’è molta attesa. Se ancora c’era qualche dubbio, ora l’appuntamento con Windows 8 è fissato: 25 ottobre 2012.

Microsoft ha registrato un brevetto dal titolo ‘Wearable Electromyography Based Controller’, che prevede l’impiego di un innovativo sistema di controllo per mezzo di impulsi muscolari. A riportare il progetto è stato IGN, che ha anche pubblicato un paio di immagini e una descrizione completa della nuova tecnologia, depositata nel mese di luglio.

“Il ‘Wearable Electromyography-Based Controller’ include una serie di sensori elettromiografici (EMG) e fornisce un’interfaccia uomo-computer (HCI) wired o wireless, per interagire con gli hardware e i relativi dispositivi tramite segnali elettrici generati da specifici movimenti dei muscoli dell’utente.

Seguendo calibrazioni automatizzate e processi di localizzazione della posizione, la misurazione e l’interpretazione dei segnali elettrici generati dai muscoli viene raggiunta campionando i segnali tramite i sensori EMG del Wearable Electromyography-Based Controller.

Durante il funzionamento il Wearable Electromyography-Based Controller viene indossato e collocato sulla pelle dell’utente. Vengono poi fornite istruzioni per migliorarne il posizionamento. Gli esempi di Wearable Electromyography-Based Controller includono articoli come ad esempio un bracciale, un orologio da polso o un articolo d’abbigliamento che dispongano di sensori EMG e della relativa tecnologia.”

Recentemente Microsoft ha registrato anche una  nuova tecnologia ambientale che, grazie all’utilizzo combinato di Kinect e dei 3D Glasses,  dovrebbe fornire un nuovo e più profondo sistema di tracciamento del giocatore.

Xbox, Zune e Windows Phone: entro dieci anni questi prodotti diventeranno il modello di business principale per Microsoft, all’interno di un processo che vedrà la compagnia evolversi da software house a provider di servizi e di hardware. È la visione del CEO di Microsoft, Steve Ballmer, stando a un’intervista rilasciata al Seattle Times.

“La nostra abilità principale sarà sempre il software, ma la gente inizia a vederci anche come provider di servizi e di hardware. E questa è una bella differenza. Il software sta sempre alla base dei nuovi dispositivi e dei servizi cloud, ma è una forma di consegna dei contenuti diversa”, è l’idea di Ballmer.

“Ciò non vuol dire che svilupperemo in prima persona ciascun dispositivo, ma che avremo partner che distribuiscono i loro dispositivi con il nostro software e i nostri servizi integrati in essi. Dobbiamo essere leader in questo”.

Da queste parole si può presupporre che Microsoft voglia in qualche modo abbandonare il mondo del software? Windows, Office e i prodotti per l’impresa come Windows Server, SharePoint e i servizi ad essi correlati, rappresentano ancora la fonte di guadagno principale per Microsoft. Ma allo stesso tempo la compagnia sta investendo in maniera decisa sui servizi cloud-based.

Attualmente, Microsoft distribuisce più di 200 tipi di servizi online a oltre un miliardo di clienti in più di 76 mercati in giro per il mondo. Ma se Google riesce già a capitalizzare questi sforzi con i propri servizi e modelli advertising-driven, Microsoft deve ancora fare strada in questa direzione.

Ma Microsoft è anche un fornitore di hardware: oltre alla linea di console Xbox, dove si impegna con un investimento ingente, commercializza PC con il proprio brand. Si tratta di notebook che acquista dai partner OEM, li ottimizza rimuovendo gli adware e li vende direttamente ai clienti. Si tratta della linea Microsoft Signature, che potrebbe evolversi in una soluzione ammiraglia sull’esempio del Nexux 7 di Google.

Windows Phone 8 è pronto !

Pubblicato: settembre 18, 2012 in Uncategorized

Cantiere chiuso, si apre il capitolo successivo: Windows Phone 8 è  terminato ed è ora pronto a far capolino sui primi dispositivi che lo  ospiteranno sul mercato tra circa un mese. Quel che si sapeva era fino a poche  ore fa che nei laboratori Microsoft si fosse ormai alle prese di una lotta  contro il tempo per portare a compimento il sistema operativo nel minor tempo  possibile. Nella notte, invece , la svolta: il team mette le proprie firme e da  Redmond è uscita la versione RTM del software che animerà anzitutto i terminali  Nokia Lumia.

Le manovre di avvicinamento, del resto, erano sempre più evidenti: soltanto  nelle ultime ore sono state aperte le porte del Software  Developer Kit ed inoltre il marketplace è stato ribattezzato Windows  Phone Store: ultimi dettagli prima della chiusura dei lavori e l’inizio  della fase di release.

Nokia  Lumia 920, Nokia  Lumia 820 e Samsung  Ativ S saranno infatti i primi dispositivi a vedere la luce portando in dote  il nuovo sistema operativo Microsoft. Alcune delle caratteristiche principali  del sistema sono già state annunciate  (a partire dalla nuova Start Screen in grado di ospitare più Live Tile e più  configurazioni grafiche), molte sono invece state tenute sotto segreto per  poterle “vendere” al mercato soltanto nell’ultima fase prima della  commercializzazione dei device. Windows Phone 8, infatti, ha l’assoluta  necessità di stupire e di farsi notare se intende scavarsi realmente  una nicchia tra iOS e Android, sempre più lanciati verso un rigido duopolio che  non lascia spazi.

Ora il dubbio è relativo al prossimo passo della roadmap: quando giungeranno  sul mercato i dispositivi? Secondo quanto trapelato, il 21 ottobre  potrebbe essere il giorno in cui negli Stati Uniti potrebbero iniziare le  prevendite; il 29 ottobre potrebbe invece essere il giorno della  commercializzazione, poche ore dopo la presentazione ufficiale di Windows Phone  8 e di tutte le novità con cui è stato condito. Fino ad oggi il sistema è stato  in fase di test presso dipendenti di Redmond e molto poco è trapelato in  proposito, dunque occorre attendersi per le prossime settimane qualche dettaglio  in più a preparare la strada all’annuncio.

Trattasi di una notizia importante soprattutto per Nokia: il gruppo attendeva  con ansia che il sistema fosse affinato e disponibile poiché ha fretta di  portare sul mercato i propri nuovi device. Mancano i dettagli, ma a questo punto  la marcia di avvicinamento è definita: Windows Phone 8 RTM è nelle mani dei  produttori, i quali hanno ora circa un mese di tempo per portare il sistema sui  propri device e verificare che sia tutto a puntino per l’esordio.

 

 

 

Dai colleghi di ubuntulife.net veniamo a conoscenza che HTC ha pubblicato sul proprio sito per errore la pagina dedicata all’HTC Elation, uno degli smartphone Windows Phone 8 HTC che dovrebbe essere presentato Mercoledì 19 Settembre.

Il terminale, conosciuto in precedenti rumor con il nome “Zenith”, monta un hardware di tutto rispetto. Infatti nella scheda tecnica completa che potete visionare nell’immagine sotto, possiamo vedere come viene utilizzato un processore quad-core , ben 32 GB di memoria interna, schermo da 4,7 pollici con risoluzione da 1280×720, tecnologia Beats Audio e una batteria da 2000mAh.

Nonostante le caratteristiche non sembrano probabili visti gli altri smartphone WP8 presentati ad oggi, il sito dichiara di aver preso le info dal sito ufficiale HTC (link), poi rimosse.

Per visualizzare la pagina con le relative specifiche, potete cliccare nell’immagine sotto:

Come prevedibile, le info pubblicate dal sito si sono dimostrate errate. Il tutto è semplicemente un fake realizzato anche abbastanza male. Infatti nella schermata di Windows Phone 8 mostrata, vengono raffigurate le Tile di app esclusive Nokia. Un brutto modo per farsi pubblicità…

Grazie a giggi per la segnalazione! via

 

Windows 8 sarà un prodotto rivoluzionario e probabilmente anche un successo a livello commerciale. Microsoft sta scommettendo molto sul nuovo sistema operativo che tra poco più di un mese verrà presentato: un OS innovativo che potrà essere utilizzato su PC Desktop, Notebook/Ultrabook e Slate/Tablet PC.
In una recente intervista con Seattle Times, Steve Ballmer ha dichiarato che a breve inizierà un anno che, per Microsoft, sarà epico con tutti i nuovi prodotti che a verranno lanciati. Durante l’intervista è stato chiesto al CEO Microsoft se il nuovo Tablet di casa Microsoft, il Surface, sarà in diretta concorrenza con l’iPad di Apple, sia per prezzi, sia per caratteristiche, e la risposta sembra essere solo per caratteristiche: il prezzo del Surface sarà infatti compreso tra i 300 e gli 800 dollari, mettendo fine a tutte quelle voci che vedevano la versione ARM in vendita a partire da 199 dollari.
Ballmer inoltre ritiene che il loro prodotto sarà di gran lunga superiore ad alcuni prodotti che in questo momento sono sul mercato, in particolare forti sono i richiami al Kindle Fire: secondo il CEO è un prodotto che è non in grado di offrire agli studenti tutti gli strumenti adatti per studiare, e svolgere quindi il loro dovere. Ecco le sue parole:

If you say to somebody, would you use one of the 7-inch tablets, would somebody ever use a Kindle (Kindle Fire, $199) to do their homework? The answer is no; you never would. It’s just not a good enough product. It doesn’t mean you might not read a book on it….

Tradotto in italiano..

Se chiedi a qualcuno, o comunque ad uno studente – useresti mai come tablet da 7 pollici il Kindle Fire per fare i compiti? – La risposta sarebbe no; non lo useresti mai. Non è un prodotto  completo. Ciò però non significa che non sia ottimo per leggere un libro…

La data di uscita dei nuovi prodotti Microsoft si avvicina sempre più, e allo stesso tempo cresce sempre più l’entusiasmo: non vediamo l’ora di provare e toccare con mano il Surface, e allo stesso tempo di vedere se le parole di Ballmer (“…un anno epico nella storia di Microsoft…”) riusciranno in qualche modo a realizzarsi.